ENZO BIANCHI

 

Dopo gli studi alla Facoltà di Economia e Commercio dell’Università di Torino, Enzo Bianchi nel 1965 si è recato a Bose, una frazione abbandonata del Comune di Magnano sulla Serra di Ivrea, per dare vita a una comunità monastica. È a tutt’oggi priore della comunità di un’ottantina di membri.
Nel 1983 ha fondato la casa editrice Edizioni Qiqajon che pubblica testi di spiritualità biblica, patristica, liturgica e monastica. Nel 2000 l’Università degli Studi di Torino gli ha conferito la laurea honoris causa in “Scienze Politiche”.
 
Nel 2014 Papa Francesco lo ha nominato Consultore del Pontificio Consiglio per la promozione dell’unità dei cristiani. Nel 2007 ha ricevuto il “Premio Grinzane Terra d’Otranto”, nel 2009 il “Premio Cesare Pavese” e il “Premio Cesare Angelini” per il libro Il pane di ieri, nel 2013 il “Premio internazionale della pace”, nel 2014 il “Premio Artusi”. Dal 2014 è cittadino onorario della Val d’Aosta e di Nizza Monferrato. (fonte www.monasterodibose.it)

 

Il tempo che è come il filo rosso che lega tutta la nostra vista, è come se fosse spezzato. Siamo schiacciati dal qui e ora, dal tutto e subito